Articoli di Anna Bisogno

Anna Bisogno

Anna Bisogno insegna Storia e linguaggi della radio e della televisione presso l'Università di Roma Tre. Si è laureata con lode in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno dove ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Storia e Sociologia dell'industria e dei media ed è stata docente in Storia della televisione presso le cattedre di Teoria e Tecniche del linguaggio giornalistico e Storia del giornalismo. Già docente presso le Università “La Sapienza” e Suor Orsola Benincasa di Salerno, coordina il progetto didattico ComunicaTre, un ciclo d'incontri con i personaggi del mondo dell'informazione, del giornalismo, della televisione e dello spettacolo promosso dal Corso di laurea in Scienze della Comunicazione dell’Università Roma Tre. Tra i suoi principali interessi di ricerca la storia della televisione e i suoi intrecci con la cultura visuale, il rapporto tra televisione, media e memoria, l'osmosi di contenuti narrativi tra la tv e il web. E’ autore di numerosi saggi e monografie tra cui: La TV invadente. Il reality del dolore da Vermicino ad Avetrana (Carocci), Questioni di post televisione. Convergenza, modelli e archivi digitali (Aracne editrice), La storia in Tv. Immagine e memoria collettiva (Carocci), Suoni e rumori della televisione generalista. Lo schermo come spazio di ascolto (Bulzoni), Il Prime Time. Come Rai e Mediaset organizzano la serata degli italiani (Franco Angeli), Televisione senza frontiere. Un'analisi sulla Direttiva Europea del 1989 (Franco Angeli).


Processed with VSCO with f2 preset
0

SPECIALE ROMA TRE FILM FESTIVAL
DARIO ARGENTO E L’ENFASI DELLA VISUALITÀ

Film dopo film, orrore dopo orrore, Dario Argento ha riscritto la grammatica estetica del terrore al cinema fin dall’esordio alla regia con L’uccello dalle piume di cristallo (1970), imponendosi con uno stile ricercato capace di trasformare delitti e omicidi in suggestive coreografie nere. Quel film, tra i primi gialli italiani, profondamente e visibilmente segnato dallo…

sharp-1844964_960_720
0

FEBVRE, BLOCH E LE GOFF. SE LA TELEVISIONE FA STORIA

      L’immagine televisiva, come quella cinematografica, costituisce in primo luogo una fonte preziosa per la ricerca storica sul Novecento, come è stato ormai riconosciuto dagli storici contemporanei. Il rapporto fra gli eventi della storia e la loro rappresentazione in televisione, rispetto agli altri mezzi di comunicazione di massa, ha seguito un suo particolare…

Scenari. Il settimanale di approfondimento culturale di Mimesis Edizioni Visita anche Mimesis-Group.com // ISSN 2385-1139