Transizioni. Filosofia e cambiamento


 

 F. Sollazzo (cura), Transizioni

Parlando di transizioni, (F. Sollazzo (a cura di), Transizioni. Filosofia e cambiamento, goWare, 2018) la prima cosa che salta all’occhio di questo testo è che la sua stessa natura sembra prendere sul serio il problema delle trasformazioni in cui siamo immersi: si tratta infatti di un e-book, anziché di un libro “analogico”. Certo, la sua forma e la sua organizzazione sono ancoraquelle del libro in senso stretto, ma è perché non siamo comunque (ancora?) in grado di articolare concetti indipendentemente dalla forma-testo in quanto forma-libro.

L’idea di fondo che percorre gli otto contributi di questo lavoro è tutt’altro che scontata, ed è altresì feconda: la filosofia ha qualcosa da dire sulle trasformazioni, sul problema delle transizioni.

È un’idea non banale perché spesso si associa e si pratica, a livello del senso comune come del lavoro più o meno professionale, la filosofia come qualcosa che è rivolto all’eterno, all’immutabile, al sovrastorico, o – quantomeno – alla dimensione dell’astrazione: è come se la filosofia cominciasse proprio laddove i cambiamenti sono finiti, o si sono placati, laddove cioè il divenire ha fatto posto all’essere. Questo testo, invece, è percorso da una sensibilità totalmente differente: è come se la filosofia cominciasse proprio laddove ci fossero dei cambiamenti in corso e occorresse una forma di riorientamento o ricollocamento, ossia – in parole povere – una rinnovata (auto)comprensione.

È anche un’idea feconda perché, piaccia o meno, le società complesse contemporanee – ma forse davvero l’intero globo – vivono nel mezzo di una fase di radicale metamorfosi, il che significa che i cambiamenti stanno avvenendo su diversi livelli contemporaneamente (politico, sociale, economico, culturale, educativo, etico, scientifico, tecnologico, antropologico, ecc.). Insomma, sta accadendo tutto nello stesso tempo: non è semplicemente che sta avvenendo un cambiamento, è che siamo nel pieno di svariati cambiamenti, che si intrecciano e rimescolano i confini. Stiamo transitando, appunto, e la filosofia interviene proprio in questo modo, offrendo – come questo lavoro comincia a indicare – un tentativo di concepire le transizioni.

 

“Concepire” vuol dire qualcosa di molto semplice: rendere qualcosa concepibile ovvero comprensibile, articolabile e praticabile. Ciò significa, secondo le due parti in cui si divide il volume (Attraversamenti teoretici e Attraversamenti sociali), cercare e di cogliere il modo in cui si sviluppano i cambiamenti, qualcosa come la loro struttura, e di provare a descrivere criticamente alcuni cambiamenti particolarmente significativi che sono in atto, o alcuni campi in cui sono per noi fortemente incisive le transizioni.

Se dal primo versante trova particolare spazio il modo in cui Heidegger si è interrogato sulla questione della storia e sul rapporto tra un pensiero sensibile alla storicità e il sapere scientifico, dal secondo versante emergono con più nettezza almeno due aspetti, legati soprattutto al confronto con correnti o autori come la Scuola di Francoforte, Camus, Gramsci, Pasolini e Wittgenstein. Il primo è il tema dell’arte e del linguaggio (letterario come quotidiano) quali luoghi “privilegiati” in cui cartografare i mutamenti. Il secondo è il problema del rapporto tra società e individualità, insistendo sul modo in cui la razionalità strumentale – che attraverserebbe l’economia come la scienza – agirebbe alla stregua di un inquadramento e di un livellamento generalizzati.

Al di là dei risultati specifici cui pervengono i contributi, come sempre discutibili e interpretabili (personalmente credo si risenta di una fedeltà ancora troppo marcata a un paradigma critico ormai eccessivamente ristretto, come quello heideggeriano-francofortese), sono proprio lo spirito e l’impostazione del lavoro a dover essere presi in seria considerazione. Infatti, emerge come la filosofia si occupi del cambiamento perché è essa stessa parte dei cambiamenti ed è fatta di cambiamenti: le cose cambiano, le trasformazioni avvengono e ne facciamo parte, questo è il vero sollecito per la filosofia e il terreno su cui si può ogni volta fare e rifare filosofia. Questa è la ragione per cui serve filosofia: riuscire a “farsi un quadro” di ciò che accade – va ribadito ogni volta con forza –è tutt’altro che inutile.

Addirittura, mi sembra questo l’orizzonte più stimolante aperto dall’opera, si delinea il fatto che la filosofia non è nient’altro che un esercizio (“mentale” come “pratico”) volto ad abitare i cambiamenti, a imparare ad avere a che fare con le transizioni, senza demonizzarle e senza celebrarle (entrambi atteggiamenti acritici), ma cercando ogni volta di attraversarle e reindirizzarle nel modo migliore, per sé come per gli altri. Il presente e-book, in definitiva, è un piccolo strumento che va in questa direzione.

 

recensione di Giacomo Pezzano


Condividi questo articolo:



'Transizioni. Filosofia e cambiamento' has no comments

Commenta questo articolo per primo!

Vuoi scrivere un commento?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Scenari. Il settimanale di approfondimento culturale di Mimesis Edizioni Visita anche Mimesis-Group.com // ISSN 2385-1139