Introduzione inaugurale alla nuova sezione di Scenari: Visual Culture Studies

immagine giovanni zoda 1

Immagine: Giovanni Zoda

Dhyāna, cm 100×85, olio su tela, 2008

Collezione pubblica, Museo Sølyst, Copenhagen

 

 

Inauguriamo oggi, come avevamo anticipato precedentemente nel seguente articolo http://mimesis-scenari.it/2017/12/23/nuova-sezione-visual-culture-studies-su-scenari/, la nuova sezione di Scenari, Visual Culture Studies, pubblicando tre saggi.

I primi due, “Temporalità sovrapposte. Articolazione del tempo e costruzione della presenza nei media immersivi” di Ruggero Eugeni e “L’arto fotografico. Estensione e incorporazione nella tecnica e nell’estetica del selfie” di Adriano D’Aloia, offrono un estratto dello studio condotto dai due rispettivi autori, che verrà pubblicato interamente nel volume “La cultura visuale del XXI secolo. Cinema, teatro e new media” di futura pubblicazione presso la casa editrice Meltemi.

Nelle settimane successive verranno pubblicati altri estratti dei vari lavori che compongono il volume e che, come si evince dai primi due saggi di Eugeni e D’Aloia, in maniera attenta e approfondita analizzano le questioni inerenti alla visual culture secondo uno dei vari approcci che questa sezione di Scenari intende seguire.

Anche con il terzo saggio di questa settimana manteniamo il rapporto con la Meltemi, in particolare con la collana Estetica e culture visuali, in quanto proponiamo, dalla nuova edizione de Lo spirito del tempo, di recente uscita (http://www.meltemieditore.it/catalogo/lo-spirito-del-tempo/), la prefazione inedita, nel circuito editoriale italiano, firmata da Edgar Morin e tradotta, come tutto il volume, da Claudio Vinti e Giada Boschi.

Le pubblicazioni degli estratti dei saggi del volume “La cultura visuale del XXI secolo. Cinema, teatro e new media” e di questa introduzione inaugurale, vengono e verranno accompagnate dalle suggestive e profonde opere dell’artista Giovanni Zoda.

Così, come il soggetto dell’opera di Zoda “Dhyāna” (titolo in sanscrito che, non a caso, rimanda alla dimensione della visione e della meditazione) – qui in alto riportata – anche noi, e speriamo tutti voi lettori, ci accingiamo ad immergerci in questa nuova dimensione della rivista Scenari dedicata al visuale.

Riportiamo, in ultimo, i nomi degli studiosi che costituiscono il Comitato scientifico e Comitato redazionale della sezione “Visual Culture Studies”, studiosi e colleghi a cui vanno i nostri più vivi ringraziamenti:

 

Comitato scientifico:

Giulia Carluccio – Università degli Studi di Torino

Ruggero Eugeni – Università Cattolica del Sacro Cuore – Milano

Giacomo Manzoli – Università degli Studi di Bologna

Andrea Pinotti – Università degli Studi di Milano

Antonio Somaini – Université Paris III – Sorbonne Nouvelle

Roberto Tessari – Università degli Studi di Torino

Vincenzo Trione – IULM Libera Università di Lingue e Comunicazione

Vito Zagarrio – Università degli Studi Roma Tre

Comitato redazionale:

Alfonso Amendola – Università degli Studi di Salerno

Simone Arcagni – Università degli Studi di Palermo

Anna Bisogno – Università degli Studi Roma Tre

Enrico Carocci – Università degli Studi Roma Tre

Adriano D’Aloia – Università Telematica Internazionale Uninettuno

Fabio La Mantia – Università degli Studi di Enna “Kore”

Carmelo Marabello – Università IUAV di Venezia

Francesco Parisi – Università degli Studi di Messina


Condividi questo articolo:



'Introduzione inaugurale alla nuova sezione di Scenari: Visual Culture Studies ' has no comments

Commenta questo articolo per primo!

Vuoi scrivere un commento?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Scenari. Il settimanale di approfondimento culturale di Mimesis Edizioni Visita anche Mimesis-Group.com // ISSN 2385-1139