Passaporto

526aa64dmimesis

 

 

“A voi tutti, ecco un arnese”
- la sentii dire una volta -
“su, venite più vicini,
il suo nome è passaporto.”
Sventolava un foglio opaco, usato,
se non fosse stato in mano sua,
l’avrei scambiato per carta straccia.
Come un ragazzino dopo una vittoria a biglie,
ne aveva le tasche piene
- uno dopo l’altro, li tirava fuori.
Su di essi stava scritta
un’autorevole e fitta raccolta di informazioni:
americana, italiana, francese,
multilingue senza paese,
vera cittadina del mondo,
viaggiatrice, pellegrina, forestiera
vera straniera ovunque si trovasse.

La sua cartina, traslocata di cucina in cucina,
si estendeva all’intero globo.
Il suo giogo fu di non trovare
- seppur di cercare non smise mai -
un unico punto fisso, a lei accogliente
dove si sentisse, finalmente,
a casa.


Condividi questo articolo:



Emma Mattiussi

Quarto anno del Liceo Classico Jacopo Stellini di Udine. Vincitrice del Contest Letterario Festival Mimesis 2016-2017


'Passaporto' 1 commento

  1. 6 aprile 2017 @ 16:41 Arnaldo

    tante facce, tanti colori – meglio che una faccia ed un colore.

    Rispondi


Vuoi scrivere un commento?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Scenari. Il settimanale di approfondimento culturale di Mimesis Edizioni Visita anche Mimesis-Group.com // ISSN 2385-1139