Una cordiale profanazione. Per un ritratto di Enrico Filippini

enrico-filippini

 

 

Ho letto con molto piacere e non senza emozione l’articolo, apparso sul “Alias” di sabato 9 maggio, che Alessandra Vanzi ha dedicato a Enrico Filippini, un intellettuale e uno scrittore mai dimenticato ma mai adeguatamente studiato. A quell’articolo aggiungo ora qualche notizia e alcuni ricordi personali rimasti vivi nella memoria. Sono stato compagno di Filippini nel Gruppo 63. Non posso dire che fra noi ci fosse una vera e propria amicizia, ma una reciproca simpatia mi pare esistesse. Io ammiravo la sua intelligenza, tanto fulminea quanto lucida, la sua straripante e rumorosa vitalità, la sua ironia allegra e pungente, che non risparmiava nessuno. Sapevo che Enzo Paci, di cui egli era stato allievo, di quella intelligenza si era innamorato ed era pronto a costruire per Filippini una rapida e brillante carriera universitaria. Ma Filippini era troppo irrequieto e non avrebbe mai potuto accettare una tranquilla vita accademica. I suoi interventi all’interno del Gruppo erano sempre penetranti e risolutivi, dopo che aveva parlato lui restava agli altri ben poco da dire. E sì che il Gruppo accoglieva alcune delle intelligenze migliori fra quelle che poteva vantare la cultura italiana di quel momento: Sanguineti, Eco, Manganelli, Arbasino, Giuliani, Barilli, Angelo Guglielmi…Nel Gruppo 63 la regola era questa: si discuteva sobri tutta la mattina e l’intero pomeriggio, alla sera c’era la libera uscita: ma, di solito, si finiva di nuovo tutti insieme in un locale suggerito da esperti del luogo, o ospitati da qualche famiglia curiosa di conoscere da vicino quegli strani animali. Fu davvero divertente, durante una di queste serate, ammirare un critico noto per la rigidità delle sue analisi ballare altrettanto rigidamente come se si trattasse di eseguire un esercizio ginnico; o, in un’altra serata, vedere uno studioso fedelissimo alla moglie (assicuravano gli amici) ballare stretto stretto con una bella ragazza recitando i versi di Villon “Le mariage helas…”. Non si è mai saputo se la ragazza capisse o non capisse. FilippinI amava sconcertare gli amici con battute fulminee, imprevedibili e irriverenti se non aggressive. Una sera disse a un poeta , di cui era molto amico,”Ho visto le cosce di tua moglie: sono bellissime”. Non so naturalmente che cosa il poeta abbia provato dentro di sé a un così singolare complimento, so che scoppiò a ridere insieme a tutti noi. In un’altra sera ebbi l’occasione di presentare a Filippini mia moglie Silvia. “ Come è bella!” esclamò. Poi aggiunse subito: “Non ti credevo capace di tanto”. Non solo non mi sentii ferito da quelle parole, ma non potei fare a meno di ammirare divertito l’abilità retorica, per nulla artificiosa, con cui l’amico, mentre elogiava la moglie, liquidava il marito. Ancora oggi, a distanza di tanti anni, càpita qualche volta che Silvia e io ricordiamo ridendo quell’episodio. Questo era Filippini uomo: per apprezzare le persone e le cose che gli piacevano aveva bisogno di profanarle. Ma la profanazione non aveva fiele: non oso dire che fosse affettuosa, però era sempre allegra, giocosa, cordiale, benevola. E ha ragione Alessandra Avanzi quando scrive che egli era uno di quegli uomini “che mangiano la vita con più fame di altri”, con “un’insopprimibile voracità vitale”.

Svizzero di Locarno, Filippini conosceva assai bene l’italiano e il tedesco. Avendo studiato in diverse Università, italiane e straniere, aveva una cultura molto vasta, ma era principalmente un fenomenologo. Le sue traduzioni sono state fondamentali per far conoscere in Italia autori come Husserl e Benjamin. Pur conoscendo bene il tedesco, non era facile tradurre in italiano un importantissimo ma assai complesso libro di filosofia quale è certamente Ideen zu einer reinen Phänomenologie di Husserl. Filippini ci è riuscito perfettamente e basterebbe questa impresa a renderlo un benemerito della ricerca filosofica. Filosofia e letteratura non erano in lui separate, si congiungevano spesso armonicamente, cosicché Sanguineti, in un saggio pubblicato in Ideologia e linguaggio, poteva correttamente riconoscere che nel racconto Settembre di Filippini la formazione fenomenologica dell’autore aveva notevolmente influenzato la stessa costruzione del testo. Chi perde tempo a leggere i romanzi italiani che si pubblicano oggi, quasi sempre sforniti di una solida base culturale, farebbe bene a riflettere su quell’episodio. Accanto alla narrativa, era il teatro a interessare Filippini. Al terzo convegno del Gruppo 63, che si svolse a Palermo nel settembre del 1965, Carlo Quartucci mise in scena Gioco con la scimmia di Filippini. Lo spettacolo era molto interessante, ma fu turbato da alcune contestazioni. Furio Colombo gridò nel buio: “Stronzi mafiosi!”, e le contestazioni cessarono. Gioco con la scimmia, tacendo di altro, per l’originalità della scrittura merita di essere di nuovo rappresentato o almeno riletto. Né si tratta solo di questo. Forse presso la figlia, signora Concita Filippini, esistono dei materiali inediti degni di essere esaminati e eventualmente pubblicati da qualche giovane studioso animato da buona volontà.

Scioltosi il Gruppo 63, persi di vista Filippini, che intanto era diventato uno dei più vivaci redattori del quotidiano “La Repubblica”. Un giorno, a Roma, incontrai casualmente Filippini. In quel periodo facevo parte della giuria del Premio Riccione per il teatro. Chiesi a Enrico (come molti altri, appresi solo in seguito che gli intimi lo chiamavano Nani) se avesse qualcosa di pronto per il teatro. Mi rispose di sì. Gli dissi: “Manda il tuo testo a Riccione, tu hai ottime probabilità di vincere anche senza il mio aiuto”. Il commiato fu rapido e cordiale come era stato l’incontro. Non l’ho più rivisto. Nessuna opera teatrale di Filippini è mai giunta al Premio Riccione. Qualche tempo dopo la sua morte, ebbi da Sanguineti il racconto di una drammatica telefonata con la quale Filippini comunicava all’amico di avere un cancro allo stadio terminale. Riposa nel cosiddetto “Cimitero degli Inglesi” a Roma, dove sono anche le ceneri di Keats, di Shelley, di Gadda, di Gramsci.

Ho dedicato a Filippini una pagina del mio recente libro Il critico stratega. Luciano Anceschi, i Novissimi, il Gruppo 63 (Mimesis edizioni). Si tratta solo di un ricordo, ma di rado ho scritto una pagina altrettanto volentieri.


Condividi questo articolo:



Fausto Curi

Ha insegnato per molti anni, come professore ordinario, Letteratura italiana contemporanea nella Facoltà di Lettere dell’Università di Bologna. In essa attualmente è professore emerito. Fra i suoi libri si ricordano Struttura del risveglio. Sade, Sanguineti, la modernità letteraria (Il Mulino, 1991), La scrittura e la morte di dio. Letteratura, mito, psicoanalisi (Laterza, 1996), La poesia italiana nel Novecento (Laterza, 1999), La poesia italiana d’avanguardia (Liguori, 2001), Il Critico stratega, saggi di teoria e analisi letteraria (Mucchi, 2006), I sensi del testo (Mucchi, 2010), Piccolo (e molto didascalico) viatico per un'introduzione alla poesia di Sanguineti, (Mucchi 2011),Il corpo di Dafne. Variazioni e metamorfosi del soggetto nella poesia moderna, (Mimesis 2011), Per una teoria della critica (Guida 2012), e la ristampa accresciuta di Struttura del risveglio. Sade, Benjamin, Sanguineti. Teoria e modi della modernità letteraria (Mimesis 2013), Piccola storia delle avanguardie. Da Baudelaire al Gruppo 63 (Mucchi 2013).


'Una cordiale profanazione. Per un ritratto di Enrico Filippini' has no comments

Commenta questo articolo per primo!

Vuoi scrivere un commento?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Scenari. Il settimanale di approfondimento culturale di Mimesis Edizioni Visita anche Mimesis-Group.com // ISSN 2385-1139