Il festival di Venezia ci interessa ancora?

IL FESTIVAL DI VENEZIA CI INTERESSA ANCORA?

Il paragone più calzante è quello con il calcio italiano. Dopo aver vissuto decenni di gloria e aver portato a casa numerose coppe europee e internazionali, le squadre di club (e la nazionale) si trovano all’improvviso impoverite. La nostra serie A non può confrontarsi con la Liga, la Bundesliga e la Premier League, perché – principalmente – i soldi sono altrove. Inoltre, i nouveaux riches che stanno investendo in giro per il mondo non considerano l’Italia un paese appetibile, a causa delle incertezze legislative, della violenza negli stadi, dell’impreparazione del sistema. Sostituiamo Mostra Internazionale dell’Arte Cinematografica di Venezia a serie A, sostituiamo Cannes, Toronto e Busan ai campionati esteri e ritroviamo le medesime analisi (violenza esclusa, ovviamente).
La colpa non è del comparto artistico: i selezionatori sono critici importanti, stimati, e lavorano (a quanto ci è dato di capire) con relativa libertà. Il direttore Alberto Barbera, sia pure sottoposto a critica per non aver lasciato la carica di Direttore del Museo Nazionale del Cinema di Torino, è cinefilo e organizzatore culturale di provata abilità. E infatti non mancano i buoni film, anzi ne abbiamo visti parecchi quest’anno, anche italiani. Il problema è la concorrenza: gli autori di grido preferiscono andare altrove, e il cinema della grande industria non ha più interesse a passerelle come questa (e inoltre preferisce evitare il pericolo di un passaparola negativo sul futuro incasso del blockbuster di turno).
Questo scenario, tuttavia, apre possibilità sorprendenti. Perduta l’allure, ed è innegabile, si può andare in cerca di altro. Che cosa? Al momento il gruppo dirigente mescola scelte di rincalzo (dovute alla situazione testé esposta) e proposte innovative, anche di nicchia. E cerca di tenere insieme un po’ della tradizione veneziana con lo spirito di un festival indipendente. I cinefili militanti vorrebbero invece una rottura radicale e una svolta sperimentale, ma sinceramente – per quanto la fantasia al potere sia sempre auspicata – non è immaginabile tenere in piedi la baracca e i finanziamenti per offrire poi un programma barricadero.
Dunque, se le star sono altrove, e il sogno di un festival indie-avantgarde è pura utopia, questa aurea mediocritas è l’unica via? Forse è tempo di cedere sovranità critica. Quando il blasone sfiorisce, le idee originali devono provenire da persone giovani e altamente qualificate. Il ricambio generazionale, fardello endemico del Paese, diviene ancora più urgente nell’attività culturale e nel cinema, dove – da un punto di vista persino neuro-cognitivo – l’apertura mentale e la capacità di captare fenomeni innovativi rischiano di irrigidirsi con l’età. Lo diciamo mettendoci in prima persona tra i rottamandi, anche noi poco più che ultraquarantenni. Sarebbe bello toccasse ad altri, under 35 per esempio, sufficientemente freschi di studi, magari già impegnati sul campo nella piccola imprenditoria culturale o negli spazi tanto sbertucciati del web. In quale ruolo operativo, è tutto da vedere. Ci sembra, tuttavia, l’unica soluzione drastica per sparigliare e rovesciare un rituale, una ricezione, un mondo evidentemente affaticati.

 

LIBRI CONSIGLIATI NEL CATALOGO MIMESIS:


Condividi questo articolo:


Tagged: ,


Roy Menarini

Roy Menarini insegna Cinema e Industria Culturale presso la sede di Rimini dell’Università di Bologna. Ha scritto numerosi volumi sul cinema contemporaneo e non solo, tra cui Ridley Scott – Blade Runner (Torino, 2000), Il cinema di David Lynch (Alessandria, 2002), William Friedkin (Milano, 2003), Il cinema europeo (con M. Comand, Bari/Roma, 2006), Il cinema dopo il cinema (Genova/Recco, 2010). Dirige la rivista "Cinergie – Il cinema e le altre arti". È nel comitato scientifico di "Bianco e Nero"


'Il festival di Venezia ci interessa ancora?' 2 commenti

  1. 11 settembre 2014 @ 17:35 aurelia

    I neuroni giovani funzionano certo meglio, ma il cinema è un’arte che richiede comunque molti soldi…. prima o poi ne avrà bisogno anche chi riesce a sopravvivere a pane amore e fantasia! Comunque Roy, d’accordo al 100%. Thanks!

    Rispondi

  2. 12 settembre 2014 @ 17:16 Gabriele

    Magari cominciamo evitando di invitare personaggi che con il Cinema c’entrano davvero poco, vedi alla voce: Belen. Comprendo il dover assecondare il volere degli sponsor, ma così mi pare eccessivo.

    Rispondi


Vuoi scrivere un commento?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Scenari. Il settimanale di approfondimento culturale di Mimesis Edizioni Visita anche Mimesis-Group.com // ISSN 2385-1139